Ciolo, emozioni rocciose

Tra rocce, mare e cielo

Viaggiare è sempre un'emozione e scoprire luoghi unici è uno degli aspetti più esaltanti di qualunque viaggio. Il Ciolo nel comune di Gagliano del Capo rappresenta sicuramente uno dei luoghi preferiti da noi di Emozioni Salento.
Il perchè è presto detto, puoi toccare il cielo con un dito, passeggiare tra rocce e macchia mediterranea, visitare grotte, tuffarti in un mare dai colori incredibili.

Insenatura del Ciolo

Se non sei mai stato in questa piccola insenatura più simile ad una gola, allora al prossimo viaggio nel Salento mtti in programma una visita al Ciolo. Di tutti i luoghi del Salento è forse uno dei più rappresentativi e visitati. Il Ciolo, se segui i nostri consigli, potrà essere qualcosa di molto diverso dal giro da turista mordi e fuggi (cosa che a noi non piace, ormai lo sai), ma diventerà un ricordo fantastico scolpito nella tua memoria. Se continuerai a leggere ti racconteremo come passare un paio d'ore a tirare su il mento che ti casca in continui "oohh".

Sentiero per il Ciolo

Informazioni di base

Veniamo alle solite informazioni necessarie per evitare problemi e attrezzarsi al meglio per godere la passeggiata, o meglio le passeggiate. Innanzitutto d'obbligo scarpe comode ma consigliamo eventualmente anche un cambio per poter fare il bagno.
Dei sandali con una buona presa sul terreno e con una resistente chiusura saranno sufficienti, ma molto meglio delle scarpe da tennis. La camminata non presenta, almeno nella sua prima parte, difficoltà particolari, ma richiede un minimo di attenzione.
Se invece intendete procedere con l'intero percorso oltre il Ciolo, allora avete necessità di scarpe da ginnastica comode e confortevoli.

Come al solito vi consigliamo uno zainetto leggero con dentro acqua e qualche panino. Per evitare di perdere tempo e mangiare qualcosa di molto invitante, in centro a Gagliano ci sono alcuni alimentari che hanno ottimo pane casereccio, formaggi, pomodori e ogni ben di Dio. Sconsigliati i salumi che non sono proprio tipici. L'ideale a nostro avviso è farsi fare un panino con semplice pomodoro, olio evo e mozzarella con un pizzico di origano e sale. Un'alternativa molto saporita al tradizionale "panino con il pomodoro" è rappresentata dai tanti prodotti sott'olio fatti artigianalmente che trovate al mercato. Per questo scegliete il sabato mattina come giorno della visita al Ciolo.

Si parte

Se avete scelto il sabato dopo il giro al mercato procedete sulla via centrale di Gagliano rimanendo sempre su di essa in direzione sud. Arriverete di fronte alla chiesa madre, che merita una visita veloce.

Costa rocciosa al Ciolo

Ok ora cercate un parcheggio nelle vicinanze. Intorno alla chiesa ci sono numerosi crocicchi di persone intente a godersi il sole o il fresco (dipende dall'ora) e a chiaccherare della cronaca locale, del calcio o di qualunque altra cosa. Fermatevi e chiedete a loro la strada per il Ciolo. Non seguite il navigatore, nelle viuzze dietro la chiesa ci si perde con facilità. Nel primo quarto d'ora della passeggiata entrerete in un mondo d'altri tempi con casine arroccate l'una sull'altra, odori di cucina che vengono dalle case, urla di mamme che richiamano i figli dalla strada. Un piccolo mondo antico racchiuso in poche centinaia di metri. Con il vecchio quartire inizierà anche la strada in discesa che conduce all'inizio del sentiero. Proprio all'imbocco del sentiero trovere un piccolo parcheggio quindi, per i meno curiosi di vedere il borgo vecchio di Gagliano, questo è il punto di partenza. Chiudete bene l'auto, non lasciate oggetti di valore in vista ed incamminatevi seguendo il sentiero di fronte a voi.

Via alle emozioni

Già dopo aver parcheggiato o essere spuntati dall'ultima casetta del borgo vi troverete con il classico orizzonte tondo del mare salentino, davanti agli occhi. Il sole splende di fronte a voi, il mare luccica, le rocce bianche riflettono la luce e la terra rossa e gli ulivi vi danno quel tipico colore caldo ed emozionante che avete imparato ad apprezzare. Alla vostra sinistra vedrete alcune classiche casette di campagna con le attività agricole tipiche della stagione, qualche raro terrazzamento e la gola del Ciolo che parte e corre verso il mare.

La piccola spiaggia del Ciolo

Il sentiero segue il costone roccioso di destra e vi condurrà tra piccole grotte e pareti a picco fino al mare.
Durante la discesa osservate le erbe spontanee, i fiori, i tanti piccoli animali che incontrerete, odori e colori del Salento. Infine arriverete al famoso ponte che svetta proprio di fronte a voi. Un ponte da dove i ragazzi del posto a volte rischiano pericolosi tuffi. Non sarà difficile invece trovare persone "meno temerarie" che si tuffano dal costone roccioso facendo voli anche di 20m.
Siete ad un bivio, proseguendo alla vostra sinistra il sentiero si inerpica sul costone, proseguendo diritti arriverete invece al mare dove fare un bel bagno e visitare a nuoto la Grotta del Diavolo (ne parleremo in un'altro articolo).
Se decidete di voltare e proseguire con la passeggiata potrete godere del sole del mattino a picco sul mare e vedere altri spettacolari panorami.
Subito vicino alla piccola spiaggetta ci sono le scale che portano direttamente sulla strada panoramica (la famosa litoranea Otranto-Leuca). I più stanchi potranno fermarsi qui e prendere un rinfrescante aperitivo al bar. Arrivare da Gagliano in auto è agevole e può anche essere un modo per dividere la fatica con i vostri amici. Godetevi la giornata.

ci mettiamo il nostro amore

    Questo sito è fatto spremendo l'amore che abbiamo per questa terra. Perchè non ci regali un po' delle tue emozioni?

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.