Focara, la tradizione del fuoco nel Salento

Dal fuoco riti di purificazione, auspicio o commemorazione

Focara (pronunciare fòcara) nel Salento è più di un semplice fuoco è un vero e proprio rito. Il termine, tipico di molti dialetti meridionali, indica semplicemente un falò di legna. Negli anni il termine ha assunto una valenza quasi mistica, associandosi prevalentemente a particolari tradizioni e riti presenti e recuperati in quasi tutti i comuni salentini, con forti tradizioni nei comuni di Novoli, Surbo e Diso.

Focara Salento

La Focara nel Salento diviene, come spesso accade in questa terra, un luogo dove incontrarsi e dialogare passando le serate estive o invernali. Il fascino del fuoco, acceso spesso nelle piazze o negli incroci, diviene momento di discussione sulle tradizioni e sulle superstizioni, un luogo dove conoscersi meglio e tramandare le emozioni salentine di una volta.

In molti comuni sono le famiglie stesse che realizzano ed accendono la focara vicino alle loro case, evento che spesso diviene anche una gara tra quartieri, rioni, strade. La focara è tradizionalmente fatta da fascine di legno di ulivo derivante dalle potature dell'anno. Per questo spesso l'usanza pone questi fuochi verso la fine di gennaio o durante i riti pasquali quando, la Focara nel Salento, diviene momento di saluto alla primavera, inno alla rinascita della vita che brucia la morte ed il freddo dell'inverno. Il clima mite infatti permette ai primi mandorli di fiorire e quindi bruciare le potature dell'autunno è come bruciare l'inverno finalmente passato.
Altre volte la Focara nel Salento assume il ruolo di commemorazione e ricodo di momenti tragici, divenendo espiazione o gratitudine. Un esempio è la Focara di Diso che ricorda un miracolo di Sant'Oronzo. La devozione verso il santo patrono accende un'enorme Focara in occasione della tradizionale festa estiva. Con questo grande fuoco si vuole ricordare il miracolo che il santo fece nel 1656 bloccando l'epidemia di peste alle porte del paese, peste che devastò i paesi vicini salvando Diso.

Focara Salento

Novoli: la focara monumentale

La più grande Focara del Salento la potete però trovare a Novoli. Non è molto chiaro da dove derivi questa tradizione e se sia un rito pagano o cristiano. Una delle leggende popolari narra che sia nata per commemorare un grande terremoto che colpì il Salento. Più probabilmente è la riproposizione di antichi riti pagani, raccolti ed inglobati nella tradizione cristiana.

Focara Novoli

La Focara di Novoli viene accesa in occasione della festa del santo patrono, San'Antonio Abate, il 16 gennaio di ogni anno. La focara si abbina ad una spettacolare esplosione di fuochi d'artificio che la accendono illuminando tutta la notte e parte del giorno dopo. La tradizione vuole che la focara sia di forma differente ogni anno e quando viene realizzata con varchi o tunnel, anche la processione del santo la attraversa. Questa monumentale costruzione arriva a sfriorare le 100.000 fascine, può superare i 25 metri di altezza e richiede più di un mese di lavoro per essere realizzata.

Ed ora alcuni consigli come al solito:
Se volete vivere al meglio questo evento informatevi bene per tempo sulle tradizioni del posto, ogni comune ha specifiche usanze. Recatevi nel paese possibilmente alcune ore prima per visitarlo, mangiare le eventuali specialità abbinate alla festa (in estate soprattutto il cibo da strada la fa da padrone) e per prendere le postazioni migliori. Non di rado dovrete essere sul posto almeno un paio d'ore prima, non dimenticate: ai salentini piace parlare e commentare ogni accadimento, non vi tirate indietro confondetevi nella tradizione. Non dimenticate la macchina fotografica e soprattutto fate delle prove, fotografare questi enormi fuochi non è facile. In alcuni comuni è ancora tradizionale ballare o mangiare intorno al fuoco.

ci mettiamo il nostro amore

    Questo sito è fatto spremendo l'amore che abbiamo per questa terra. Perchè non ci regali un po' delle tue emozioni?

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.