Il mercato nel salento

Mercato, tra coreografia e prodotti di qualità

Una passeggiata in un mercato in sud Italia è sempre una bella passeggiata soprattutto se affrontata con lo spirito dell'esploratore che cerca di scoprire le personalità dei prodotti esposti e delle persone che lo frequentano.

Stoffe a mercato

Non è raro nel nostro Salento imbattersi in bancarelle dove i prodotti (spesso abbigliamento) sono letteralmente buttati sui bancali e le donne si affannano a cercare tra mucchi di stoffe l'offerta del giono. Bancarelle che spesso non vendono la classica "cinesaglia", ma abiti rimasti da negozi, da fallimenti o appena passati dai saldi. Ci sono anche prodotti di ultima produzione e di qualità a prezzi molto inferiori al classico "negozio" e cioè la famigerata occasione che tutti cercano. Comunque se non andate troppo per il sottile e volete acquistare a buon prezzo, allora il mercato è il luogo per voi. Quello che non può mancare in un mercato è ovviamente la pazienza (in genere quindi i mariti sono banditi) perchè anche nei paesini piccoli le occasioni sono veramente tante, quindi preparatevi ad un'avventura lunga almeno due o tre ore. Ogni mercato ha le sue peculiarità che variano anche da periodo a periodo, quelli tardo primaverili o estivi danno ovviamente il meglio in termini di prodotti e colori. Informatevi con i locali e chiedete quale mercato è migliore nella zona dove vi trovate, per i prodotti che vi interessano di più.

Taralli e snack salentini

Prodotti secchi

Uno dei punti di forza di un mercato salentino sono sicuramente i prodotti alimentari secchi. I più famosi sono ovviamente i taralli e le friselle nelle mille varianti e colori. Ogni bancarella ha la sua specialità oltre i classici al finocchietto, al peperoncino, alla pizza, alle olive nere....
Le friselline da sgranocchiare come snack o da bagnare nell'acqua sono anch'esse un'ottimo prodotto da acquistare e portare a casa. Se trovate le friselline non aromatizzate o con aromi non troppo invadenti sono anche un'ottimo sostituto dei biscotti nella prima colazione o in una merenda un po' ariginale. Sempre per merende o colazioni dal sapore estivo vi consigliamo i così detti "frizzuli" cioè le friselle sbriciolate, se nel paese dove siete vi è un forno non potete perderli, altrimenti....autoproduceteli. Nel latte sono una delizia.

Non dimenitcate di acquistare o di assaggiare anche la tanta frutta secca di produzione locale ed i legumi: dai pinoli alle mandorle, dalle nocciole ai fichi per finire con frutti spesso insoliti per chi non vive in questa terra, frutto di sperimentazioni che agricoltori giovani e con spirito di innovazione propongono sulle bancarelle dei mercati.
Insieme alla frutta secca è d'obbligo l'acquisto dei legumi secchi. Negli anni le tradizioni antiche sono per fortuna ritornate di moda e oggi nelle corsie di un mercato è facile incontrare diverse varietà locali di lenticchie, ceci (i ceci neri sono assolutamente da acquistare), piselli, cereali (il grano frantumato è un prodotto tipico usato per fare zuppe simili al risotto) per passare a legumi un po' più originali come la cicerchia o le tantissime tipologie di fagioli. Il nostro consiglio? Prendeteli tutti e lanciatevi in zuppe e minestre invernali dai sapori incredibili.
In alcune zone come a Castiglione (vicino Tricase) è stata recuperata la canapa utilizzata come cereale da farina...non aggiungiamo altro vero?

Tra sale, olio ed aceto

Tra i prodotti alimentari tipici del salento un altro filone che potete trovare ed acquistare ad un mercato sono i prodotti conservati sotto sale, olio o aceto.
Spesso lo stesso prodotto lo trovate in tutte e tre le possibili modalità di conservazione e risulta impossibile spiegare qui come apprezzarli al meglio, quindi come al solito la scelta migliore è chiedere al commerciante per quale uso è consigliabile acquistare quello specifico prodotto. Ci soffermiamo solo su alcune modalità un po' più originali e curiose sperando di incuriosirvi. Ricordate che le modalità cambiano da comune a comune e quindi come al solito...rivolgetevi ai salentini

Sott'olio

Inutile affrontare il tema olive vero? Ne trovate di ogni tipo: verdi, marroni, nere, con o senza il nocciolo, intere o spaccate.....ne trovate piccanti o dolci, aromatizzate con alloro, mirto, peperoncino, limone....insomma assaggiatele tutte è tradizione farlo prima di acquistare. Attenzione è comunque una scortesia assaggiare e non acquistare, anche perche, vista la varietà, dire "non me ne piace nessuna" è poco credibile!!!
Oltre alle olive il lampascione rappresenta uno dei simboli dei prodotti tipici che potete acquistare in un mercato salentino. In genere trovate la varietà naturale o arrosto, ma anche qui ultimamente i produttori sis tanno sbizzarrendo in soluzioni dai sapori particolare. Il lampascione ha un sapore molto forte e persistente, se non lo avete mai mangiato prima assaggiatelo. Anche qui con un po' di cortesia non sarà difficile provarne uno nella bancarella dove state acquistando altro. Sempre per rimanere in tema vi segnaliamo che si trovano spesso anche varie tipologie di peperoni sott'olio o sott'aceto, vengono utilizzati anche per aromatizzare le zuppe di cereali in bianco.
Ultimo prodotto sotto'olio da acquistare a nostro avviso sono i funghi cardoncelli, sodi e dal sapore importante sono ottimi per antipasti o merende sfiziose.

E ora tieniti forte

Attenzione, se siete ospiti a casa di salentini questo è un regalo che potete fare e farvi. Acquistate un po' di lumache, quelle che vedete in foto "con la panna", cioè con l'uscita sigillata da una cuticola bianca. Assicuratevi che non siano di provenienza estera, ma rigorosamente locali. Costano, e non poco. Fatevele preparare in bianco con cipolla, vino bianco ed alloro. Farete un grande regalo e voi potrete assaggiare uno dei piatti più particolari del Salento.

Lumache
Campanelle

I colori della tradizione

Le terre cotte sono un altro dei prodotti tipici del Salento che trovi facilmente nei mercati. Tante opzioni e tante soluzioni in terracotta. Dai piatti alle ciotole, dai vasi alle sculture, dagli oggetti di grande utilità ai ninnoli da appendere per puro sfizio edonistico. Un oggetto che racconta la storia di questa terra sono le campanelle ed i fischietti, molto colorati e spesso con forme di animali. Una volta si regalavano ai bambini il giorno di Pasquetta quando si andava a fare il pic nic e campanelle e fischietti allietavano la giornata.

Chiudiamo il nostro giro al mercato portandoci a casa un po' di spezie. Soprattutto se siete in visita in estate, avrete l'opportunità di portare timo, origano, salvia, peperoncini e molto molto altro ancora. Riempirete la vostra casa di ricordi che poi torneranno nei vostri piatti per farvi vivere le emozioni e la nostalgia del Salento.

ci mettiamo il nostro amore

    Questo sito è fatto spremendo l'amore che abbiamo per questa terra. Perchè non ci regali un po' delle tue emozioni?

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.